Share

Passare l’aspirapolvere, Orsi Polari e Stress Positivo nei Cani

Riflessioni su salute, malattia e vecchiaia

Riflessioni sulle sindromi di burnout e boreout

Di solito, quando pulisco la casa, i cani rimangono al piano terra o in giardino. Di recente, però, è capitato che salissero al piano superiore mentre impugnavo l’aspirapolvere. So che non amano il suo rumore, quindi mi aspettavo che tornassero al piano di sotto non appena l’avessi acceso. Ma non l’hanno fatto. Hanno seguito me e l’aspirapolvere per tutto il primo piano, avvicinandosi di tanto in tanto alla macchina con un misto di curiosità e paura. 

In primo luogo, questo mi ha ricordato un tipo di giostra che conosco dalla mia infanzia: la „casa stregata“. Poi, mi ha fatto pensare a un film che ho visto poco tempo fa su youtube: „Animal odd couples“. Dopo undici minuti e mezzo di filmato, si vedono degli orsi polari selvatici che giocano con dei cani da slitta. Questi enormi predatori potrebbero facilmente mangiare i cani, ma nel filmato non è chiaramente questa la loro intenzione: sono lì solo per giocare e i cani sembrano apprezzare. La spiegazione data per questo comportamento è, da un lato, che gli orsi probabilmente non hanno fame: la sopravvivenza sarebbe più importante del gioco. D’altra parte, il gioco ha una funzione precisa nella vita, in quanto consente all’individuo di apprendere abilità importanti in un ambiente protetto. L’interazione con una specie diversa, però, sembra aggiungere un’ulteriore spinta al gioco: un’adeguata dose di stress positivo. 

Lo stress può essere definito come la risposta funzionale di un organismo quando è esposto a uno stimolo stressante (adesempio, un trauma, tossine, microbi, ecc.), che aiuta l’organismo ad adattarsi alla situazione. Negli organismi superiori(come il cane o l’uomo), le risposte allo stress coinvolgono solitamente meccanismi neuro-ormonali. Il sistema nervoso simpatico ha un effetto immediato su diversi organi, mentre ormoni come l’adrenalina e il cortisolo agiscono più lentamente.  Un aspetto che a volte viene frainteso è che l’adrenalina, il cortisolo e il sistema simpatico non funzionano in modalità „on/off“, ma sono in costante interazione con il sistema parasimpatico: a volte prevale il sistema simpatico, a volte il parasimpatico. 

Esiste una secrezione di base di adrenalina che è costante nell’uomo e una secrezione di base di cortisolo con variazioni circadiane nell’uomo e nel cane sani. La secrezione rispecchia l’attività metabolica dell’individuo. I livelli ormonali aumentano abbastanza rapidamente in qualsiasi momento della giornata, insieme all’attivazione acuta del sistema nervoso simpatico, in risposta a un evento stressante. Ciò consente all’organismo di adattarsi a una situazione potenzialmente minacciosa, predisponendosi alla lotta o alla fuga.

In generale, la maggior parte degli effetti del sistema nervoso simpatico sono bilanciati da un effetto opposto attraverso il sistema parasimpatico: Quando corriamo o combattiamo, il sistema simpatico rallenta la digestione favorendo il trasporto di ossigeno ai muscoli (allargando le vie respiratorie e accelerando il battito cardiaco) e la termoregolazione (aumentandola persiprazione), ad esempio. Quando si consuma un pasto in un ambiente rilassato, invece, il sistema parasimpatico favorisce il flusso sanguigno verso gli organi digestivi, rallentando il battito cardiaco e la pressione sanguigna. È interessante notare che non esiste un simile effetto di bilanciamento in caso di reazione simpatica allo stress. Questo perché l’attivazione del simpatico in risposta allo stress è intesa come uno stato transitorio; serve ad attivare le risorse supplementari in caso di emergenza. Dopo aver affrontato l’emergenza, l’individuo deve semplicemente tornare alla“normalità fisiologica“. Se un individuo rimane in uno stato di emergenza prolungato, la fisiologia generale e il metabolismo vengono alterati. Ecco perché lo stress cronico può portare alla malattia. Questo spiega anche il fenomeno del „burn out“: un’eccessiva attivazione costante impoverisce l’organismo delle sue risorse – fisiche e mentali. 

Tuttavia, ci sono aspetti diversi che determinano il motivo per cui alcuni individui „bruciano“ mentre altri non lo fanno. L’Ayurveda può offrire una prospettiva molto interessante su questo argomento. Una delle idee di base è che tutti gli esseri viventi hanno una costituzione innata (prakriti) che si esprime attraverso caratteristiche fisiche e mentali. Vata dosha si riferisce ad aspetti quali la leggerezza, l’espansione e l’essere in costante movimento (allegorizzati dagli elementi aria e spazio, attribuiti a vata). Quando vata prevale, l’individuo è aperto, curioso e creativo. Il dosha pitta contiene aspetti dell’elemento fuoco, che allegorizza la trasformazione e la lucentezza. Quando prevale pitta, l’individuo è tipicamente ambizioso, determinato e organizzato. Il dosha Kapha contiene aspetti degli elementi acqua e fuoco, che allegorizzano stabilità, nutrimento e coesione. Le persone Kapha sono tipicamente calme, premurose e affettuose.  

È facile immaginare che le persone reagiscono allo stress in base alla loro costituzione personale. Le persone più inclini alla sindrome da burn out sono le persone pitta. Gli aspetti conferiti dall’elemento fuoco li spingono facilmente oltre i loro limiti, scambiando il riposo per il successo. Ma anche altri aspetti contribuiscono. Anche gli aspetti mentali, descritti in Ayurveda con i termini sattva (chiarezza), rajas (attività) e tamas (inattività), hanno una forte influenza. La chiarezza mentale aiuta a riconoscere come gestire al meglio le risorse personali (in termini di energia, tempo, ecc.). Questo è un motivo per sviluppare un buon sattva. Un eccesso di attività (rajas) può favorire il burnout. L’inattività (tamas) può aiutare a calmare l’eccesso di rajas, ma può anche essere il risultato finale del burnout ma anche della sindrome di boreout: ottusità emotiva e psicologica. 

In effetti, essere troppo sollicitati non è salutare (sindrome del burn out), ma nemmeno essere abbastanza sollicitati è positivo. Ogni volta che dobbiamo affrontare un problema, abbiamo l’occasione di imparare qualcosa di nuovo, di sviluppare nuove capacità e di crescere oltre i nostri limiti. Questo aiuta a sviluppare l’autostima e la fiducia nelle proprie capacità. Il punto non è trovarsi di fronte a problemi nella vita; il punto è trovarsi di fronte a problemi che possono essere superati con le risorse personali. Se non c’è nulla da superare, l’individuo si blocca nella routine e nelle abitudini, si annoia e alla fine rimane bloccato nell’inerzia (tamas). Tutti gli individui appartenenti a specie sociali hanno bisogno di realizzare obiettivi personali e di crescere attraverso le sfide, per trovare il proprio posto all’interno del gruppo e realizzarsi. 

Anche in questo caso, la prakriti (la costituzione innata) è utile per scegliere il tipo di obiettivi e sfide per ogni individuo. Quando vata è forte, è importante trovare un equilibrio tra la curiosità innata (per evitare la noia) e il bisogno di routine e stabilità senza eccessiva competizione (per evitare il burnout). Pitta ama le sfide e la competizione: per questo è più incline al burnout e deve scegliere quali sfide sono adatte a lui. Senza sfide sufficienti, la noia è dietro l’angolo. Kapha può andare in burnout preoccupandosi troppo degli altri o sentendosi sopraffatto da un carico di lavoro eccessivo (cheprobabilmente gestirà con le dimissioni, accumulando così ulteriore carico di lavoro). D’altra parte, se non sono sufficientemente stimolati da qualcosa che li interessa davvero, rischiano di annegare nel loro benessere e di „annoiarsi“.

L’Ayurveda offre un altro punto di vista molto interessante, chiamato trivarga, anch’esso rilevante per le sindromi di burnout e boreout. Il trivarga si riferisce a tre importanti obiettivi da coltivare: Il Dharma è il dovere o la missione personale nella vita. È diverso per ogni individuo a seconda della costituzione personale (prakriti) e della fase della vita. I doveri e la missione non possono essere gli stessi nell’infanzia, nell’età adulta e nella vecchiaia. Anche il contesto sociale influenza il dharma individuale. Artha può essere tradotto con ricchezza e si riferisce alle risorse materiali. Ogni essere vivente ha bisogno di una sorta di nutrimento, molti hanno anche bisogno di un posto dove vivere, dormire o crescere la propria prole. Se uno scoiattolo non si preoccupa di accumulare un numero sufficiente di noci per l’inverno, non sarà in grado di sopravvivere alla stagione fredda. Se non costruisce un nido, la prole diventerà cibo per ogni sorta di altri animali. Kama è spesso indicato come piacere sessuale, ma può essere tradotto più in generale come godimento o desiderio. Assecondare qualsiasi tipo di desiderio può dare piacere (quando è soddisfatto) o dolore (quando è insoddisfatto). Porta facilmente all’attaccamento all’oggetto del desiderio e alla fine diventa una fonte di sofferenza. 

Di solito le sindromi di burnout e boreout si sviluppano in età adulta e sono associate a una serie di fattori bio-psico-socio-spirituali-culturali. Non vivere secondo il dharma personale o non essere in grado di assicurare l’artha mantenendo un adeguato equilibrio tra lavoro e vita privata può contribuire allo sviluppo di queste sindromi. Se il desiderio di avere successo prevale su altri aspetti della vita, il kama diventa una fonte di sofferenza. La riflessione sui temi del dharma, dell’artha e del kama permette quindi all’individuo di diventare più consapevole delle motivazioni, dei bisogni e delle risorse personali e di farli coincidere meglio con le richieste esterne, come il carico di lavoro. 

Potreste chiedervi cosa c’entri tutto questo con i cani. Beh, c’è molto di più di una piccola eccitazione spaventosa dovuta a un aspirapolvere. Tra tutte le specie animali che oggi si tengono come animali domestici, i cani sono quelli più strettamente legati all’uomo. Le razze sono state selezionate nel corso di centinaia di anni per svolgere compiti specifici: cani da pastore, da guardia, da caccia e così via. Per molto tempo, queste razze hanno avuto il loro dharma specifico e le loro risorse corrispondevano abbastanza bene alle loro esigenze (è così che sono state selezionate per la riproduzione). Ma le condizioni di vita di molti cani sono cambiate molto negli ultimi decenni. Razze adattate a vivere in vasti spazi aperti si ritrovano in mezzo a centri urbani affollati, sopraffatti da tutti quegli input sensoriali – uno stress negativo. Razze selezionate per correre su lunghe distanze finiscono in piccoli giardini con passeggiate occasionali dietro l’angolo: una vera e propria discrepanza con le loro esigenze innate. Le razze conosciute per la stretta collaborazione con l’uomo si ritrovano sole in casa tutto il giorno perché l’uomo lavora a tempo pieno: la sindrome da noia è dietro l’angolo. Ma ci sono anche cani a rischio di burnout, quando i loro umani sono più attenti a ciò che vogliono che il loro cane sia o faccia che alle reali esigenze del cane. Personalmente, vivo con un Labrador retriever con un pitta molto forte. Si diverte e gioca fino allo sfinimento. Se non gli do abbastanza da fare, si annoia facilmente (e trova strategie personali per affrontare la noia…). Se non lo fermiamo di tanto in tanto, crollerebbe o si spegnerebbe a causa della sua forte motivazione a continuare. 

Quindi: cosa possiamo fare contro il burnout e l’esaurimento? La prevenzione è la cosa migliore, e l’Ayurveda è ottimo per la prevenzione. Prendetevi del tempo per imparare a conoscere prakriti. Coltivate sattva, per identificare chiaramente i bisogni e le risorse. Valutate i doveri, i bisogni materiali e i desideri nell’attuale fase della vita e nell’attuale contesto di vita e cercate di farli coincidere con prakriti. Fate attenzione a come nutrite il corpo, la mente e l’anima (questo è un punto molto importante). E se vivete con un cane: date un’occhiata alla sua prakriti e al suo trivarga – potreste scoprire che cercare di far coincidere la sua con la vostra può essere uno stress positivo che porta a una vita più soddisfacente per entrambi!


  1. https://www.youtube.com/watch?v=_BvB0182xag
  2. https://www.treccani.it/vocabolario/stress/?msclkid=e0035804adaa11ec8cc28b0abe086e36
  3. Schmidt, Lang, Heckmann:“Physiologie des Menschen”, 31. Auflage, Springer Verlag Berlin, 2017
  4. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/18692856/
  5. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28150561/
  6. Nagersheth: “Geist, Gehirn,Gefühle”, Draupadi Verlag Heidelberg, 2021
  7. Welch: “The four aims and the four stages of life”, article based on a seminar at the Ayurvedic Institute in New Mexico, 2004
  8. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8672245/pdf/fpsyg-12-722862.pdf
  9. Garoni: “Piacere di conoscerti – capire i cani con le motivazioni di razza”, TEA Tascabili Milano 2019
  10. Ücüncü: „Der gelassene Hund“, Kosmos Verlag Stuttgart, 2019