Share

La primavera più secca che io ricordi

Riflessioni sui cicli della natura e sulla salute

Nelle ultime settimane i telegiornali hanno parlato soprattutto di questioni internazionali. Tuttavia, uno dei problemi nazionali che continuava a emergere era la siccità nel Nord Italia. Laghi e fiumi hanno raggiunto il livello più basso da cinquant’anni a questa parte. Il fiume Po, fondamentale per l’agricoltura di molte regioni, è stato descritto come „un cuore vuoto, che pompa senza sangue“. Tuttavia, la natura fa del suo meglio anche in queste condizioni. I fiori sbocciano ovunque. Le colline intorno al Lago Maggiore hanno il tipico aspetto di inizio primavera: pendii grigio-marroni con macchie bianche pallide di ciliegi selvatici in fiore. È la primavera, la stagione della crescita e dello sviluppo. 

Secondo l’Ayurveda, la primavera ha caratteristiche kapha. Kapha è uno dei tre principi bioenergetici che regolano aspetti quali la crescita, il sostegno strutturale, la coesione cellulare e il nutrimento dei tessuti. È considerato una combinazione delle caratteristiche degli elementi acqua e terra, e di solito la primavera è un perfetto esempio di kapha: Sebbene le temperature generali siano in aumento, le giornate sono ancora fresche e la pioggia cade regolarmente permettendo alle colture di crescere. Di solito … La primavera è anche il periodo dell’anno in cui molti animali selvatici hanno la loro prole, deponendo le uova e dando alla luce piccoli esseri che si nutriranno per le settimane o i mesi successivi, quando è disponibile molto cibo, per essere abbastanza cresciuti e ben preparati per l’inverno, quando le risorse sono scarse. 

Studiando questi fenomeni su larga scala, gli scienziati hanno osservato un’orchestrazione molto precisa della crescita delle piante, dello sviluppo degli insetti, della migrazione degli uccelli e di altri processi in natura. La temperatura e la durata dei cicli giorno/notte agiscono sui geni che determinano processi fisiologici come la crescita e la fioritura delle piante, il risveglio dopo il letargo, la migrazione e la riproduzione degli animali. Hanno anche osservato come il cambiamento climatico stia avendo un impatto negativo sui diversi cilci. 

La specie umana ha sviluppato molte strategie per superare i limiti dei cicli naturali: I sistemi di irrigazione e la selezione delle colture consentono di coltivare il riso in Italia, mentre le serre permettono di raccogliere i pomodori in inverno. Le abitazioni non solo proteggono dalla pioggia e dal vento, ma spesso sono dotate di servizi come l’aria condizionata e il riscaldamento. La riproduzione umana è abbastanza indipendente dalle stagioni: le donne hanno cicli di fertilità mensili per tutto l’anno (che, tuttavia, possono anche essere gestiti). Con i progressi della scienza e della tecnologia, abbiamo l’impressione di essere diventati abbastanza indipendenti dalla natura. 

Pur essendo felice di molte invenzioni e possibilità che la vita moderna ci offre, il fatto che ci stiamo progressivamente distaccando dai cicli della natura mi preoccupa. Un aspetto di cui si parla spesso sono i problemi di salute dovuti a cicli giorno/notte disturbati e a un sonno insufficiente. Tuttavia, ci sono molti altri aspetti che tendiamo a ignorare. Ho incontrato regolarmente pazienti che cercavano di vivere ignorando i bisogni interni e le condizioni esterne. Questo ha portato regolarmente allo sviluppo di problemi di salute che alcuni hanno colto come un’opportunità per fermarsi a riflettere, mentre altri hanno preferito affrontare la situazione e continuare a vivere come stavano facendo. È una questione di scelte e abitudini personali. In generale, però, spesso non siamo allenati a osservare ciò che ci conviene nella vita di tutti i giorni e a cercare di trovare modi armoniosi per adattarci; tendiamo più spesso ad adattare le condizioni esterne a ciò che vogliamo che siano.

L’Ayurveda ha una lunga tradizione di osservazione di ciò che meglio si adatta all’uomo nei diversi momenti dell’anno e nel corso della vita. La parola sanscrita kāla può essere tradotta con „tempo“ o „clima“ e l’adattamento dello stile di vita al clima è considerato molto importante per mantenersi in salute. Esistono indicazioni su come prendersi cura della salute durante tutto l’anno (ritucarya) e attraverso la routine quotidiana (dinacarya). Conoscere queste pratiche può essere un mezzo efficace per entrare in contatto con noi stessi e con l’ambiente che ci circonda e aiutarci a stare bene (o a migliorare) vivendo con – e non nonostante – i cicli della natura.

Questo vale anche per gli animali che condividono la loro vita con noi. Poiché prestiamo poca attenzione all’opportunità di adattare la nostra alimentazione alla stagione, spesso non pensiamo nemmeno al fatto che ciò potrebbe essere utile anche per gli animali domestici. Ma a volte dimentichiamo di considerare anche aspetti più elementari. Alcune razze di cani hanno un naso molto corto che influisce negativamente sulla loro capacità di termoregolazione. Le razze nordiche come gli husky finiscono per vivere nell’Europa meridionale perché agli uomini piace il loro aspetto, ma dimenticano di chiedersi se questo tipo di cane ha il pelo e il metabolismo adatti per vivere in un clima caldo. 

Quindi, cosa possiamo fare? Primo: fermarsi ogni tanto per porsi le domande giuste. Secondo: rivolgersi alle fonti di informazione a nostra disposizione. A mio avviso, la saggezza ayurvedica può aiutare molto a migliorare la qualità non solo della nostra vita e della nostra salute, ma anche quella degli altri esseri viventi e del nostro pianeta in generale.


  1. Foster, Kreitzman: “Seasons of life”, Yale University Press, New Haven and London 2009
  2. Iannaccone: “Il cuore dell’Ayurveda”, Edizioni Lakșmi , Roma 2020
  3. Susukmar, Shashirekha: “Text book of Swasthavritta”, Chaukhambha Publications, New Delhi 2016